Due diversi liutai, due diversi tipi di fede

Sono cresciuto nella fede luterana in una piccola città nel nord del Wisconsin. Questa regione era popolata da coloni provenienti da aree così diverse come Norvegia, Svezia e Germania, quindi avevamo più della nostra giusta quota di biondi. Quando sono arrivato sulla scena nei primi anni '1960, eravamo praticamente solo un gruppo di bianchi con cibi interessanti da mangiare durante le vacanze.

Quando avevo venticinque anni, mi sono trasferito ad Atlanta dove mi sarei sistemato per i successivi venticinque anni. Non molto tempo dopo il mio arrivo ad Atlanta, i miei genitori vennero a farci visita e assistemmo a un servizio di chiesa nella chiesa battista di Ebenezer. Mia madre era stata a lungo l'organista della nostra chiesa luterana a Rice Lake, e mio padre insegnava musica vocale alla scuola biennale dell'Università del Wisconsin nella contea di Barron. Quindi erano entrambi particolarmente desiderosi di sperimentare la musica e non siamo rimasti delusi.

Se ricordo bene, quel giorno eravamo le uniche persone bianche a partecipare al servizio e la congregazione non avrebbe potuto essere più calorosa e accogliente con noi. La figlia del dottor Martin Luther King Jr stava tenendo il sermone, e dopo abbiamo aspettato un po 'che le registrazioni del servizio diventassero disponibili su un CD. Mio padre avrebbe continuato a usarlo in una delle sue lezioni di musica al college.

La congregazione non avrebbe potuto essere più accogliente.

Di recente mi è stato ricordato tutto questo da mia madre che ha inviato un ritaglio sul Dr. Martin Luther King, Jr dal suo libro devozionale quotidiano. Ha chiarito qualcosa che mi aveva sempre confuso: perché il dottor Martin Luther King, Jr e Martin Luther, il fondatore della religione luterana, avevano nomi simili?

Ecco la spiegazione, secondo questa fonte: “Dr. Michael King Sr., un importante predicatore di Atlanta, fece un tour in Terra Santa e Berlino nel 1934, sponsorizzato dalla sua chiesa, Ebenezer Baptist. In Germania, Hitler era al potere e la chiesa del dottor King era contro di lui.

Il dottor King fu profondamente commosso dalla sua visita nella terra di Martin Lutero e dalla proclamazione della salvezza del riformatore per sola grazia attraverso la sola fede nella sola Scrittura. Quando è tornato a casa, King ha cambiato il suo nome da Michael a Martin Luther.

Il suo figlio maggiore, Michael, aveva cinque anni. Anche suo padre ha cambiato il nome di suo figlio, in Martin Luther King Jr. "

Per la fede che sta al di qua del lavoro, non darei un fico, ma per la fede che sta al di là del fare il lavoro, darei la mia vita.

Per prima cosa crediamo

Mi colpisce anche il riferimento al principio luterano secondo cui solo la nostra fede ci salverà. Molto probabilmente, sia il dottor King che il dottor Luther capirono la profonda e incrollabile verità su questo. Ma immagino che per alcune persone oggi la vera comprensione si sia persa.

Questo mi ricorda una citazione del giudice della Corte Suprema Oliver Wendell Holmes: "Per la semplicità che sta questo lato della complessità, non darei un fico, ma per la semplicità che sta dall'altra parte della complessità, darei la mia vita . "

In questo caso, la semplicità è fede e la complessità sta nel compiere il lavoro di guarigione. In altre parole, "Per la fede che sta da questo lato del lavoro, non darei un fico, ma per la fede che sta dall'altra parte del lavoro, darei la mia vita". Perché così lontano la fede è vera fede, e scoprirla è tutto ciò che riguarda la vita.

Il paradiso è dentro.

Prima di iniziare un viaggio di guarigione in cui rimuoviamo gli ostacoli che stanno bloccando la nostra luce interiore, ricordando ciò che Cristo ha insegnato, ovvero che il paradiso è dentro, possiamo credere solo con la nostra mente egoica. E la fede come concetto mentale non ha valore spirituale. A malapena vale un fico. L'ego non è una risorsa profonda. Non ha la capacità di comprendere l'intera verità.

L'ego, infatti, vive sempre nella dualità, non diversamente dai frammenti di noi stessi catturati nella coscienza del bambino. L'ego, quindi, può contenere solo metà dell'intera verità. Ma al centro della nostra anima, dove possiamo vivere in unità, siamo in grado di mantenere gli opposti.

Per molte persone, compresi molti che sono profondamente religiosi, avere fede e svolgere il lavoro sono opposti che non possono conciliare. Lasciato a scegliere, l'ego opta per la fede e rifiuta l'idea che dobbiamo fare qualsiasi lavoro per guarire noi stessi.

Allora lo sapremo

Continua dicendo nel devozionale quotidiano: "Oggi ricordiamo il fondatore della nostra chiesa, il dottor Martin Lutero (morto il 18 febbraio 1546), la sua fede nel Vangelo e la sua dichiarazione del dono gratuito della salvezza dato a noi peccatori indegni, per grazia, da parte di Dio ".

Come community di Pathwork La guida insegna, Cristo è davvero venuto sulla Terra nella forma di un uomo di nome Gesù. La sua missione era di aprirci la porta per tornare in paradiso. Quello era essenzialmente un regalo gratuito. Ma per la salvezza dobbiamo lavorare. Perché, come ha detto chiaramente la Guida, "Se non incontri ciò che in te congela e paralizza lo spirito vivente, è impossibile essere commossi e vissuti dallo spirito vivente".

Semplicemente non possiamo trascendere la dualità mentre viviamo dal nostro ego. Per trascendere la dualità dobbiamo scoprire lo spirito vivente al nostro centro. Quindi il nostro ego deve arrendersi e imparare a vivere da lì. Solo allora potremo avere una profonda conoscenza interiore della verità, inclusa la verità su quanto siamo degni ciascuno di noi.

È così che ci salviamo. Ci salviamo trovando il nostro vero sé più profondo, perché è lì che troviamo il paradiso.

Le mezze verità non ci portano da nessuna parte

Se ci guardiamo intorno, vediamo che il cristianesimo è in uno stato di declino. I luterani non riempiono più i banchi. Ma possiamo dire lo stesso di Pathwork. L'organizzazione è ormai quasi defunta negli Stati Uniti.

Per capirlo, possiamo rivolgerci all'insegnamento della Pathwork Guide sul tre principi del male, uno dei quali è la confusione. Perché poche cose ci confondono più delle mezze verità. Inoltre, quando qualcosa non è completamente nella verità - quando abbracciamo solo metà di una verità e rifiutiamo la metà opposta - non può continuare a crescere. Perché ogni falsità equivale a negatività, e tutta la negatività alla fine ferma le cose.

Il nostro lavoro è usare il nostro libero arbitrio per trovare e liberare quella luce.

Tanti cristiani abbracciano la necessità di avere fede, accogliendo la luce di Cristo nei loro cuori. Ma poi non riescono a rimuovere tutto ciò che blocca quella luce. Si riconosce che abbiamo peccato - nessuno di noi è perfetto - e che ci sentiamo indegni. Queste cose sono vere. Ma questa non è la verità di chi lo è. In verità, ognuno di noi è degno, perché in fondo siamo tutti leggeri.

Il nostro lavoro è usare il nostro libero arbitrio per trovare e liberare quella luce. Abbiamo avuto l'idea giusta quando abbiamo cantato alla scuola domenicale: Questa mia piccola luce, la lascerò risplendere. Ma il seguito non ci fu durante il resto della settimana. La gente ha iniziato a vedere l'ipocrisia che ne è derivata. Peggio ancora, molti sono stati colpiti da vari tipi di abusi che possono peggiorare nell'oscurità non guarita.

Pertanto, molte persone si sono allontanate dalla chiesa e hanno gravitato su percorsi spirituali che affrontano ciò che non è allineato con la luce. Questo è diventato il crescente gruppo spirituale ma non religioso. Per un certo periodo, le comunità del Pathwork prosperarono in molte regioni di questo paese. Un significativo lavoro di guarigione è stato svolto mentre le persone lavoravano per trasformare il loro Sé Inferiore.

Ma molti di coloro che erano attratti dal Pathwork avevano forti sentimenti negativi nei confronti della chiesa. Nel tentativo di evitare di offendere qualcuno, nel tentativo di impedire alle persone di lasciare il Pathwork, l'argomento di Cristo è stato raramente menzionato. Raramente nei miei decenni di esperienza sul Sentiero qualcuno ha riconosciuto che il punto centrale di tutto questo lavoro di pulizia interiore è vivere in una casa pulita, una casa che Cristo ha costruito.

Far risplendere la luce di Cristo

La Guida insegna che trasformare il nostro Sé Inferiore è sempre un atto del nostro Sé Superiore. È la nostra luce interiore che ci ispira a migliorare. È la nostra fede che potrebbe esserci di più nella vita che ci spinge a cercare un significato più profondo. Alla fine, sarà la nostra disponibilità ad assumerci la responsabilità di ciò che ci disconnette dal nostro nucleo che ci riporterà a casa da Dio.

Cristo verrà di nuovo, ma non come persona. La prossima volta che Cristo verrà, sarà attraverso ognuno di noi mentre svolgiamo il lavoro necessario per eliminare la nostra negatività e richiamare la nostra luce interiore. Quando lo faremo, impareremo a vivere insieme in armonia e in vera fede.

—Jill Loree

Pronto? Andiamo Inizia!
Pronto? Andiamo Inizia!

    Share